martedì 18 agosto 2009

EL NINO: Monitoraggio e influenza sul clima nei prossimi mesi

Partiamo dal modo nel quale è possibile definire la forza del nino. Gli indici che servono principalmente sono l’ONI e il MEI. L’ONI serve a valutare gli eventi convalidati dal NOAA, il MEI a vedere l’intensità del fenomeno. Un nino si può definire like (debole) quanto ha un MEI >1.5, quando supera tale valore viene considerato strong (forte).
Per vedere la situazione mensile MEI: http://www.cdc.noaa.gov/people/klaus.wolter/MEI/table.html
Analizzando gli autunni con eventi di nino strong ne derivano le seguenti anomalie di geopotenziali:

Le anomalie di geopotenziali negli autunni che precedono nino like sono invece la seguenti:

Come possiamo notare quindi gli autunni che precedono un nino sono in generale piovosi nell’europa occidentale e secchi in quella orientale con l’Italia in bilico, quindi siamo in una situazione un po’ complicata da prevedere. Andando ad analizzare invece le anomalie invernali si ricaveranno le seguenti mappe:
Anomalia geopotenziali inverno durante nino strong:

Anomalia di geopotenziali durante nino like:

Da queste mappe si può ben notare come durante i nino strong vi siano inverni molto miti in Europa mentre durante i nino like vi siano inverni con pressione molto bassa e quindi maggior quantità di precipitazioni.
Ora che abbiamo capito come reagisce il clima a questi eventi possiamo parlare del monitoraggio di questo evento. Un link molto utile è questo (http://www.bom.gov.au/climate/enso/indices.html) dove si possono osservare i grafici delle anomalie delle varie zone. Una zona per noi molto interessante è la 3.4 che risulta in calo, infatti in NOAA è stato costretto a ritrattare il picco a +1.7, ovvero un nino strong, ma di poco e non è da escludere che visto che il SOI ha ripreso ad aumentare da ieri (speriamo non sia solo una cosa momentanea) il picco del nino non debba essere ulteriormente abbassato nella prossima previsione.
Qui le previsioni della zona 3.4:
Vedremo come evolve la situazione…


Nessun commento:

Follow us on Facebook