venerdì 9 ottobre 2009

Luna "Bombardata" Per Tovare L'acqua


Il Video Del "Bombardamento"


A segno il 9 ottobre la prima fase della missione della Nasa LCross, in cerca di acqua sulla Luna. Intorno alle 7:30 di Cape di Canaveral un razzo Centaur del peso di 2,3 tonnellate si è schiantato sul cratere Cabeus, alla velocità di 9000 chilometri orari.
Un improvviso bagliore ha interrotto le immagini dell’impatto, seguito, quattro minuti dopo, anche da quello della sonda, che ha così potuto raccogliere preziose informazioni sulla nube di detriti, scagliati fino a 10.000 metri d’altezza.
Scopo della missione è la ricerca di tracce d’acqua, che aprirebbero la strada all’ipotesi di una precedente vita sul satellite.
L’operazione rientra nell’ambito dei preparativi al nuovo sbarco americano sulla Luna, previsto per il 2020. A ritardare il decollo potrebbe però essere il lievitare dei costi. Circa 3 miliardi di dollari in più all’anno, la stima di una commissione d’esperti, nominata dal presidente Barack Obama.

Fonte: euronews

(CNN) - NASA said Friday's rocket and satellite strike on the moon was a success, kicking up enough dust for scientists to determine whether or not there is water on the moon.

"We have the data we need to actually address the questions we set out to address," said Anthony Colaprete, principal investigator for the Lunar Crater Observation and Sensing Satellite, or LCROSS, mission.
It will be awhile before all the data from the satellite can be analyzed to determine if there is water on the moon, according to LCROSS project manager Dan Andrews.
Andrews said that "the spacecraft performed beautifully."
NASA crashed the rocket and a satellite into the moon's surface on Friday morning in a $79 million mission.
NASA televised live images of the LCROSS as it crashed into a crater near the moon's south
Minutes before its impact, the satellite guided a rocket into the Cabeus crater in an effort to kick up enough dust to help the LCROSS find whether there is any water in the moon's soil.

Fonte: Cnn

Nessun commento:

Follow us on Facebook