sabato 31 ottobre 2009

Quello Che Predisse Per il 2012 Edgar Cayce Il Profeta Dormiente

Edgar Cayce (Hopkinsville, 18 marzo 1877 – Virginia Beach, 3 gennaio 1945) è stato un fotografo statunitense, ma molto più famoso come chiaroveggente e taumaturgo.

Abbandonato il mondo della fotografia, si dedicò al paranormale, rispondendo a domande sull'astrologia, sulla reincarnazione e su Atlantide mentre era in uno stato di trance. Secondo Cayce la California poteva sprofondare nell'oceano.

Divenne noto con lo pseudonimo di: profeta dormiente proprio perché dava le sue letture profetiche entrando in uno stadio di trance molto profondo. Le sue letture in un primo momento erano di carattere medico, nonostante non avesse intrapreso studi di medicina, egli, senza l'uso di apparecchiature, sapeva individuare soluzioni mediche precise, usando anche un linguaggio estremamente tecnico, tanto da meritarsi elogi in un articolo del New York Times. In una seconda fase iniziò a concentrarsi su previsioni riguardanti gli sconvolgimenti cataclismatici della Terra. Presagì che il Giappone ed il nord-Europa sarebbero scomparsi improvvisamente e che i grandi laghi sarebbero esondati e ricoperto la maggior parte del Midwest, mentre la California e New York sarebbero stati sommersi a causa di un grande diluvio. A metà degli anni ’30 Cayce fece delle importanti dichiarazioni: disse che il centro magnetico del mondo sarebbe cambiato radicalmente durante il 1936. Tra i suoi presagi profetici, egli anticipò l'eruzione dell’Etna nel 1957/1958 ed anche i terremoti in Marocco. Pronosticò anche che l’asse di rotazione della Terra si sarebbe mosso in un qualche momento del 1998, cosa che non è successa. Nonostante l'abbondanza di evidenze contrarie, le opere del profeta dormiente continuano ad avere degli estimatori e sono tutt'ora oggetto di analisi da parte di studiosi delle pseudoscienze, come John Hogue e Vlaicu Ionescu e molto spesso dalle sue opere sembra di trovarsi di fronte a degli artefatti.
Da Wikipedia


Nessun commento:

Follow us on Facebook