sabato 16 gennaio 2010

Haiti: La crosta terrestre si è spostata di 3 metri in 15 secondi

Il terremoto del 13 gennaio che ha colpito Haiti è stato un evento apocalittico. Nonostante l'intensità non fosse catastrofica, 7.3 della scala richter, la crosta terrestre colpita dal sisma si è spostata di ben tre metri in soli quindici secondi.
Un dato che rende l'idea di come bastino solo una manciata di secondi per sconvolgere la vita di un'intera nazione. La maggior parte degli edifici sarebbero crollati anche con un fenomeno meno intenso di quello registrato, in quanto molte di quelle strutture erano costruite alla meno peggio, senza alcun criterio edilizio dedito alla sicurezza delle stesse. La popolazione di Haiti è una delle più povere del mondo con un sistema politico in continuo mutamento a causa dei numerosi colpi di stato. Questa catastrofe altro non ha fatto che dare un "colpo di grazia" a degli esseri umani quotidianamente in bilico, costretti a vivere con un dollaro al giorno.


Continuo a ribadire l'impellente necessità di portare avanti gli studi di Giampaolo Giuliani in merito alla misurazione del Radon. Ad oggi, unica possibile speranza di poter prevenire un evento sismico. Al fine di poter salvare quante più vite possibili.
Se poi gli studi fatti in modo appropriato e senza preconcetti non porteranno a questa possibilità, avremo eliminato un'alternativa. Ma impedire a priori ad uno scienziato di poter portare avanti la propria ricerca discreditandolo e ridicolizzandolo come fatto da Bruno Vespa all'epoca del terremoto dell'Aquila, sa tanto di inquisizione.
E oggi l'inquisizione non la fa più la Chiesa, ma le grandi lobby e interessi economici che, spalleggiate anche da alcuni politici giocano con le nostre vite.

Per capire di cosa stiamo parlando guardate questo video ed il modo in cui Vespa intervista Giuliani. Una cosa che lascia senza parole.


Nessun commento:

Follow us on Facebook