mercoledì 24 agosto 2011

Orione: Scoperto ossigeno molecolare


La presenza di ossigeno atomico nelle regioni più "calde" dello spazio è nota da tempo, ma finora la caccia all'ossigeno molecolare era rimasta infruttuosa. La quantità di ossigeno atomico rilevata risulta infatti molto è più bassa di quella attesa, e questo ha posto il problema della "contabilità dell'ossigeno" nello spazio: dove si trova l'ossigeno mancante?

Una possibile spiegazione del fenomeno è che gli atomi di ossigeno restino intrappolati sui minuscoli granelli di polvere interstellare per poi legarsi con altri atomi a formare molecole d'acqua ghiacciata che ne impediscono l'osservazione. In tal caso, nelle regioni più calde del cosmo l'acqua dovrebbe evaporare offrendo la possibilità di rilevare la presenza di ossigeno molecolare.


Per cercare di confermare l'ipotesi, un gruppo internazionale di astronomi ha intrapreso la ricerca di ossigeno molecolare sfruttando lo strumento HIFI (Heterodyne Instrument for the Far Infrared) a bordo del telescopio spaziale Herschel, uno spettrometro ad alta risoluzione spettrale in grado di lavorare nell'infrarosso lontano, e puntandolo verso Orione, dove i processi di formazione stellare riscaldano i gas e le polveri presenti. (Alla progettazione e alla costruzione di HIFI hanno preso parte l'Agenzia Spaziale Italiana, l'INAF-IFSI e l'INAF-Osservatorio Astrofisico di Arcetri.)

In questo modo i ricercatori hanno scoperto l'esistenza di una molecola di ossigeno per ogni milione di molecole di idrogeno.

"Questo spiega dove potrebbe essere nascosta una parte dell'ossigeno, ma non ne abbiamo comunque trovato quantità notevoli, e dobbiamo ancora comprendere che cosa abbiano di speciale i punti in cui lo troviamo. L'universo ha ancora molti segreti", ha osservato Paul Goldsmith, primo firmatario dell'articolo.

Nessun commento:

Follow us on Facebook